Mastoplastica additiva

.

La mastoplastica additiva è un intervento che permette di aumentare il volume delle mammelle mediante l'inserimento di protesi. Trova indicazione nei casi di mammelle poco sviluppate, mammelle "svuotate" e cadenti a seguito di importanti cali di peso o allattamenti o per la correzione di asimmetrie mammarie. Nel caso di mammelle ptosiche l'intervento può anche essere associato ad una mastopessi.

 

La procedura chirurgica

La mastoplastica additiva viene eseguita in anestesia generale o locale con sedazione e dura circa un'ora.

A seconda della tipologia e dei desideri della paziente e delle preferenze del chirurgo variano il tipo di protesi, la loro sede di impianto e l'accesso chirurgico.

È possibile scegliere infatti tra differenti tipi di protesi, rotonde o anatomiche (a goccia). Le protesi possono inoltre essere posizionate in sede ghiandolare o in sede sottomuscolare. L'accesso chirurgico per il posizionamento delle protesi può avvenire a livello ascellare, tramite solco sottomammario e attraverso incisione periareolare (attorno all'areola).

Mastoplastica additiva

Dopo l'intervento

Al termine dell'intervento verranno posizionati dei drenaggi che verranno poi rimossi dopo 24-48 ore. Eventuali punti di sutura verranno rimossi dopo 7-10 giorni.

Dopo l'intervento chirurgico, la paziente dovrà evitare ampi movimenti con le braccia e con le spalle e dovrà evitare di sollevare grossi pesi per almeno quindici giorni. Dovrà inoltre indossare un reggiseno contenitivo da mantenere un mese giorno e notte ed evitare di dormire prona.

Nei mesi successivi, particolare attenzione andrà rivolta alla cura della cicatrice che dovrà essere massaggiata con creme elasticizzanti e protetta dai raggi solari con creme a protezione totale.

Il fumo rappresenta, come in qualsiasi intervento, un ostacolo alla cicatrizzazione per cui è consigliata la sua sospensione.

 

Il risultato dell'intervento

Il risultato definitivo è apprezzabile a sei mesi dall'intervento. Possibili alterazioni sono dovute ad allattamento, gravidanze, variazioni ponderali e al fisiologico invecchiamento.

La presenza di protesi mammarie non interferisce con la normale diagnostica tumorale. È buona norma che la paziente porti con sé il tesserino identificativo dei dispositivi impiantati e lo esibisca ad ogni controllo.

Alternativa all'intervento di mastoplastica additiva è rappresentata dal lipofilling eventualmente associato all'utilizzo di un apposito presidio esterno a pressione negativa.

 

Protesi mammarie

Le protesi mammarie attualmente impiegate sono composte da un involucro esterno di silicone, contenente un gel di silicone oppure soluzione fisiologica o idrogel. Esistono inoltre protesi di poliuretano.

Le protesi al gel di silicone sono quelle di cui si conoscono maggiormente i risultati a lungo termine e le possibili complicanze. Il gel è altamente coesivo e in caso di rottura non tende a migrare nei tessuti circostanti.

Le protesi al silicone non sono associate ad una maggiore probabilità di sviluppare un tumore e non interferiscono né con la diagnosi né con la cura di una eventuale patologia oncologica. Inoltre non vi è nemmeno un aumentato rischio di sviluppare malattie autoimmunitarie.

Le protesi contenenti soluzione fisiologica hanno una consistenza che simula in maniera minore quella del tessuto ghiandolare e inoltre tendono inevitabilmente a perdere parte del loro contenuto diminuendo così di volume.

Infine le protesi contenenti idrogel (acqua e una catena di zuccheri) tendono anch'esse a diminuire di volume nel corso degli anni.

Per quanto riguarda le protesi in poliuretano, esse sono preferite da alcuni chirurghi poiché avrebbero un rischio inferiore di dare luogo a contrattura capsulare. Ancora da chiarire però risulta il processo di degradazione a cui va incontro il poliuretano e sue eventuali conseguenze sull'organismo.

Forma e misura della protesi vanno scelte in base alle caratteristiche e alla volontà della paziente. Tutte le protesi vanno incontro ad un'inevitabile usura che ne determina una durata limitata nel tempo.

Consenso Mastoplastica additiva

Per prenotare una visita:
342.9940519

Prof. Pier Camillo Parodi | Direttore della Cattedra di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica dell'Università degli Studi di Udine
Ordine dei Medici di Massa n. 01051 | P.IVA: 00273630459 | Telefono 342.9940519 | E-mail: piercamillo.parodi@uniud.it

Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente